fbpx
WhatsApp e l’aggiornamento dei termini di servizio e l’informativa sulla privacy: cosa cambia? Ce lo dice l’Avvocato del digitale Alessandro Vercellotti

WhatsApp e l’aggiornamento dei termini di servizio e l’informativa sulla privacy: cosa cambia? Ce lo dice l’Avvocato del digitale Alessandro Vercellotti

Negli ultimi giorni si è parlato del recente aggiornamento dei termini di servizio e la privacy policy di WhatsApp. La novità in termini di privacy di casa WhatsApp ha suscitato perplessità da parte degli utenti scaturita principalmente dalla notizia del data sharing con le aziende Facebook.

Cosa cambia? Ne abbiamo parlato con Alessandro Vercellotti l’Avvocato del digitale.

Cosa cambia con l’aggiornamento dei termini di servizio e l’informativa sulla privacy di WhatsApp?

Dal prossimo 8 febbraio entreranno in vigore le nuove regole stabilite da WhatsApp. In questi giorni infatti gli utenti stanno ricevendo una comunicazione tramite messaggio dell’aggiornamento dei termini e dell’informativa sulla privacy da parte di WhatsApp al fine di accettarli entro tale data.

Gli aggiornamenti riguardano:

  • Servizi di WhatsApp e la modalità del trattamento dei dati;
  • Come le aziende possono usare i servizi Facebook per conservare e gestire le proprie chat WhatsApp.

Facebook ha acquistato WhatsApp nel febbraio del 2014 e l’interazione tra le due società e la condivisione dei dati è stato ed è alla base degli interessi da parte di Facebook. Questa circostanza però ha comportato una maggiore attenzione della problematica da parte dei legislatori europei e in particolare della Corte di Giustizia Europea anche alla luce della sentenza del 16 luglio 2020 che ha invalidato la Privacy Shield.

Preciso quindi subito che gli aggiornamenti non riguardano gli utenti dell’aera Europea ai quali si applica la privacy policy dedicata che non consente a WhatsApp di condividere i dati con Facebook per migliorare i propri prodotti o per mostrare avvisi pubblicitari.

In Europa siamo più tutelati con il Gdpr o la privacy degli utenti WhatsApp è messa a rischio?

Sì, in Europa il GDPR comporta regole molto stringenti e quindi come confermato dal portavoce di WhatsApp non ci saranno modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp con Facebook nella regione Europea. Lo stesso ha inoltre precisato che WhatsApp continuerà a condividere solo alcuni dati con Facebook così come previsto nella precedente versione della privacy policy.

Nate Cardozo, Privacy Policy Manager di Facebook tempo fa aveva dichiarato Le imprese “potranno usare le chat che ricevono per i loro scopi commerciali, che possono includere la pubblicità su Facebook“, con il nuovo aggiornamento cosa cambia per gli account business? 

Per WhatsApp business il discorso è diverso. Nel mese di ottobre infatti il Privacy Policy Manager di Facebook Cardozo ha precisato che le imprese potranno scegliere di avvalersi di servizi di hosting forniti da Facebook per gestire le comunicazioni con i clienti su WhatsApp. Le aziende potranno archiviare e utilizzare e le chat con i propri clienti per scopi commerciali tra i quali vendere i prodotti tramite le chat ed effettuare pubblicità su Facebook .

Grazie Alessandro sei stato come al solito esaustivo. Gli utenti europei di WhatsApp da quanto spiegato dall’Avvocato del digitale non avranno nulla di cui preoccuparsi.

Lascia un commento

Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?